FROM ABRUZZO ANDREA CALVANO. NOT A SIMPLE FOTOREPORTER OF WEDDINGS, BUT A STORYTELLER THAT CRISTALLIZES EMOTIONS AND FIXED TIMES IN ITS SHOTS. HE CAN CREATE A UNIQUE EMPATHY WITH HIS SUBJECTS AND THIS IS TANGIBLE IN EVERY PHOTOGRAPHY. WITH THIS INTERVIEW WE TRY TO GIVE A BRILLY EYE TO THE CREATION OF HIS MAGIC …

  • Tell us about your work. When and how did you start doing it?

It was a long and stormy night… no oh, it’s a joke hahaha. But I can say that at the time I had a stormy night inside me. I was just a little provincial employee. I filled myself with numbers, cards and dreams. The biggest? Obviously the photograph. Implementing the theory of communicating vessels, I waited that the spring was loaded of “leave everything and run “. And so, from night to day, I left a good job, a good salary and the beautiful people I worked with, to throw myself headlong into the world of photography !!

  • Your shots are not photographs of a wedding; they go deeper and they can tell us differentstories every time. How do you do? How do you manage to empathize with your subjects?

Do you know when people said that “this guy has a gift”? well, I think my gift is to understand people. Obviously I am not here to take away the work of psychologists, but I am not exaggerating when I say that, looking into the eyes of those who photograph, I can understand many things. Emotions, feelings and empathy.

  • What was your greatest job satisfaction?

My greatest satisfaction is the “Thank You” of the people who look with shining eyes at my … their photographs.

  • I read in your biography that you left the “permanent job” to pursue a completely different career … As you say, you left the certain for the uncertain. When you made the big jump were you afraid? Have there ever been times when you thought you had made a wrong choice? What sensations did this new wave of freedom bring you into a life that perhaps didn’t fit you so well?

Let’s say that when you make a choice it is normal to be afraid and it is normal to think that you have got it all wrong. It was a bit like when you want to cross the street: look for the pedestrian crossing, check that everything is ok and decisively cross the street. There! Exactly like that. You only have fear when you DO NOT know a thing. When you throw yourself into something you don’t know: I had everything inside. It was like entering a world I already knew!

  • Tell us about the place where you live. Such as? What scents does it evoke? Have you ever thought of moving elsewhere?

The country where I live is the realm of SLOW. It is a refuge from the world that constantly runs against itself. It is a mountain town exactly in the center of Abruzzo, where children play on the street, where there are still keys attached to the front door of the house, where people greet each other and where the bread smells of bread. Here: this question drives me crazy. because I live on scents and sensations. In this period (winter) I find entrancing going around on foot in the evening and feeling the silence enveloped by the smell of burnt wood from the chimneys of almost all the houses. Yes the chimneys, the return to the hearth, to the pot that slowly cooks the beans: that’s what’s in my photographs. Slowness

  • The 3 favorite songs?

Music: wow! I live on music. I listen to the order in the morning as soon as I wake up, in the car, in the office, at lunch and dinner, while I take a shower, when I sleep. The music is crazy. It is art. And art evokes art! the three favorite songs? I think I don’t have any. It would be a waste to leave behind the other thousand thousand photographs I love. I can tell you though that I listen to a genre of music based on what I’m doing. An example: when I choose the photographs of a wedding I listen to Jazz, when I do post-production listening to Metal. I let the music help me !! P.S. the only group I have always loved: Pearl Jam.

  • Which, among the great photographers, do you love most?

I have never had a predisposition for IDOLS (in politics as in art). This is a question I am asked in many, indeed. My answer is always the same: I admire photographers who are first and foremost beautiful people. Those rich people inside and cheerful outside. And then they know how to tell the life they see with their eyes, through the camera. There was a guy who said that the photographs are not faded with the camera: but with the eyes and the heart and the head (HCB)

  • At this moment, if you look up and look around you a little, what do you find most appealing to you?

The light. I am fascinated by light, by how it falls on objects and the shadows it creates. Don’t you find it incredible that light creates shadow?

  • Tell us a little about your photography workshops. When, where and how do they take place?

Mine are not old-fashioned workshops, where 30-40 photographers do nothing but photographs models. My ws are up to 10 colleagues. We talk about photography, light, a “slow” approach to an increasingly frenetic world of photography. Where do they take place? Where I find inspiration. The next one will be in the beautiful hills of the Marche. It will be devoted entirely to analogue photography (yes, we will develop photos in the dark room) and we will talk about storytelling: how to tell a story in photography. It’s one thing to take pictures, another is to tell a story

  • I know you are passionate about “old-fashioned” photography with a roll and an analog camera. Can you talk about it? Of course the arrival of digital has greatly facilitated the average user in taking photographs, but what has been lost? And how much can you recover in terms of “magic” in one click?

In these questions, you again have hit the target. MAGIC. Here’s what there is in taking photographs with film. It’s all so incredible. It pushes you to think before taking the picture. You cross the times and the diaphragms, then you look at what happens beyond the objective and finally you frame and shoot. And what did you take? how did the photograph come about? and here I borrow the advertising of my beloved CAMPARI: “the expectation of pleasure is pleasure itself”. Here comes the talk of SLOW waiting for calm to breathe and wait. The picture you took can only be seen when you develop it. In a day, two a week. And you are there that you go crazy with “pleasure”: that will explode when development comes to you. All this has been completely erased by technology, from iPhones for example. We are inundated with photographs. Who will never see anyone. Of which we will forget the existence. Take a roll of 24 and it will be your 24 photographs!

  • In your shots how much post-production is there? I have seen, on certain occasions, retouching, to say the least abominable. How do you manage this phase? Do you also take care of printing and layout of the albums? What kind of album do you prefer and propose to your customers?

If the objective is analog photography, post production is close to zero! 10 years ago I started doing photography by telling myself: the photographs are made when they are taken. If the photo is “corrected” to the computer, that is Graphics not photography. That’s why I love the roll: photography is what it is! My albums: I absolutely print them. I know what I want to achieve, how much they must be “hot” and personal Ah, mold on Fine Art paper. Nothing could be more magical. When you browse through my album, you look at it and caress it

  • If you could enter a painting, which would you choose?

Obviously “The vocation of San Matteo” by Caravaggio. I would like to learn that light

  • You travel a lot for work. This will keep you away from your family but at the same time will give you the opportunity to see wonderful places. Is there any place that has entered your heart particularly?

The journey has always been a passion of mine. Italy is a wonderful country and I feel fortunate to be able to visit it far and wide. Going away from home to work definitely keeps me away from the family. But all I do, I do it for them. The embrace of my 3 women when she returns home, I fill more than anything else.

  • If you could talk for an hour with a person of your choice, anyone, alive or dead, who would you , where would you take him and what would you ask him?

If I talked to you as a photographer I would like to talk to the aforementioned Caravaggio. I wouldn’t ask him anything: I’d let him talk WOW … !!! If I talked to you, instead, from Andrea, I would like to talk to my grandfather: I would ask him how he managed to survive the Nazi concentration camp (in Dachau) and how he managed to walk back from Germany to Italy. My hero.

  • What father are you? How hard is it to be a parent for you? What is the most important message you are constantly trying to convey to your daughters? And how would you like them to grow up?

I’m myself. I am cheerful and I am (semi) severe when needed. But above all, happiness predominates. Talk, sing, play together as soon as we can. But above all teach one of the most important values: respect. Always respect everyone and above all respect their thoughts. I would like them to grow slow inside but 100% dynamic. But above all I would like them to do just what makes them happy.

  • What is your biggest fear?

It’s not being able to answer all the questions of this interview hahahah.

  • You attend many marriages every year but the percentages speak for themselves. According to ISTAT, between 1991 and 2018 we witnessed a real divorce boom. 375.569 divorced in 91 against more than 1.6 million in 2018. What do you think it could depend on? What is the secret to a peaceful and lasting marriage?

The secret? Ask my wife hahah. In my opinion the secret of a good marriage is compromise. Or better: the step backwards. Let me explain. I’ve always considered it childish and useless when a person says “It’s a question of principle” How many times have you heard it? Well, if between two people who live together, you do not take a step back on some issues, these become problems, walls arise and you end up as a lawyer. Does your husband ever put the cap on toothpaste? put it on your own. If you get angry and ruin your liver for a cork … well … I would say that the end is near !!!

  • How does your perfect day begin and end?

my perfect day starts with music and ends with music, my perfect day starts with leaving the girls in school and kindergarten and ends with a good night kiss, my perfect day starts with a good job for my wife and ends … oh well by..imagine…. my perfect day is made up of everyday life, of achievements, of light and shadows

  • Your worst fault?

I’m messy but perfectly organized !!!

  • Which camera would you recommend to an “average user”? And what do you think is the top of the range right now?

Interesting question. As a camera, I would recommend a Canon from 1978 on film. 70-80 euros of pure magic. Unfortunately I’m not an amateur photographer: I’m not interested in camera models: I’m not interested in the medium, I’m interested in the result. I work with a little camera (the digital one) that is 7-8 years old I think. Ah, but it’s old. No it is functional.

  • In recent years there has been a boom of photographers. Just look at Instagram and it turns out that there are really a lot of people who can take good pictures. What do you think about it? Do you like it to become a “viral” form of expression or annoys you?

Instagram Facebook Pinterest Youtube. All interesting and stimulating stuff. It only annoys me that we tend to believe that is reality. For me it is worth “Being famous on facebook, it’s like being rich with Monopoly money”

  • Is there a character of the last century whom you particularly admire?

Yes there is. And it is Ernesto Guevara. I have an idea of him that I’ve been carrying since I was a teenager. It’s a simple idea: to give everything for an idea. I brought it with me in the demonstrations around Italy, in Genoa against the G8. It was always there: as a stimulus. Always fight for your idea.

  • What would you like to find this year under the Christmas tree?

New York ! I have projects in the pipeline and I hope they come true !!!

Share:

Share on facebook
Share on twitter

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notify of

DALL’ABRUZZO ANDREA CALVANO. NON UN SEMPLICE  FOTOREPORTER DI MATRIMONI, MA UNO STORYTELLER CHE NEI SUOI SCATTI CRISTALLIZZA LE EMOZIONI E LE FISSA NEL TEMPO. LUI RIESCE A CREARE CON I SUOI SOGGETTI UN’EMPATIA UNICA E QUESTO E’ TANGIBILE IN OGNI SUA FOTOGRAFIA. CON QUESTA INTERVISTA CERCHIAMO DI DARE UNA TIMIDA OCCHIATA A  COME NASCE LA SUA MAGIA…

  • Parlaci del tuo lavoro. Quando e come hai iniziato a svolgerlo?

Era una notte lunga e tempes…no vabbè scherzo ahahah. Però diciamo che all’epoca avevo la notte tempestosa dentro di me. Ero un semplice impiegatuccio di provincia. Mi riempivo di numeri di carte e di sogni. Il più grande? Evidentemente la fotografia. Attuando la teoria dei vasi comunicanti, ho atteso che si caricasse la molla dell’….”ABBANDONA TUTTO E SCAPPA” Ed ecco che dalla notte al giorno ho lasciato un bel lavoro, un ottimo stipendio e delle belle persone con cui lavoravo, per buttarmi a capofitto nel mondo della fotografia!!

  • I tuoi scatti non sono fotografie di un matrimonio; essi entrano più in profondità e riescono a raccontarci ogni volta storie diverse. Come fai? Come riesci ad entrare così in empatia con i tuoi soggetti?

Hai presente quando si dice che quel tizio ha un dono? bè, credo che il mio sia quello di capire le persone. Ovvio che non sono qui a togliere il lavoro agli psicologi, ma non esagero se dico che guardando negli occhi chi fotografo, riesco a capire molte cose. Emozioni, sensazioni ed empatia

  • Quale è stata la tua più grande soddisfazione sul lavoro?

La mia più grande soddisfazioni è il “Grazie” delle persone che guardano con gli occhi lucidi le mie…loro fotografie.

  • Ho letto nella tua biografia che hai lasciato il “posto fisso” per intraprendere una carriera del tutto diversa… Come dici tu, hai lasciato il certo per l’incerto. Quando hai fatto il grande salto avevi paura? Ci son mai stati momenti in cui hai pensato di aver fatto una scelta sbagliata? Quali sensazioni ti ha portato questa nuova ventata di libertà all’interno di una vita che forse non ti calzava così bene addosso?

Diciamo che quando fai una scelta è normale avere paura ed è normale pensare di aver sbagliato tutto. E’ stato un pò come quando vuoi attraversare la strada: cerchi le strisce pedonali, controlli che tutto sia ok e con decisione attraversi la strada. Ecco! Esattamente così. La paura ce l’hai solo quando NON conosci una cosa. Quando ti lanci a fare un qualcosa che non conosci: io avevo tutto dentro. Era come entrare in un mondo che già conoscevo!

  • Parlaci del luogo in cui vivi. Com’è? Quali profumi ti evoca? Hai mai pensato di trasferirti altrove?

Il paese in cui vivo è il regno dello SLOW. E’ un rifugio dal mondo che corre costantemente contro se stesso. E’ un paese di montagna esattamente al centro dell’Abruzzo. Dove i bambini giocano per strada, dove ci sono ancora le chiavi attaccate alla porta d’ingresso di casa, dove ci si saluta e dove il pane profuma di pane. Ecco: questa domanda mi fa impazzire. Perchè io vivo di profumi e di sensazioni. In questo periodo (inverno) trovo estasiante andare in giro a piedi di sera e sentire il silenzio avvolto dal profumo della legna bruciata dei camini di quasi tutte le case. Sì i camini, il ritorno al focolare, alla pignatta che lentamente cuoce i fagioli: ecco cosa c’è nelle mie fotografie. La lentezza

  • Le 3 canzoni preferite?

La musica: wow! Io vivo di musica. Nell’ordine la ascolto la mattina appena sveglio, in macchina, in ufficio, a pranzo e a cena, mentre faccio la doccia, quando dormo. E’ pazzesca la musica. E’ arte. E l’arte evoca l’arte! le tre canzoni preferite? credo di non averne. Sarebbe uno spreco lasciare indietro le altre mille mila fotografie che adoro. posso dirti però che io ascolto un genere di musica in base a quello che sto facendo. Un esempio: quando scelgo le fotografie di un matrimonio ascolto Jazz, quando faccio post-produzione ascolto Metal. Io mi faccio aiutare dalla musica!! p.s. unico gruppo che adoro da sempre: i Pearl Jam.

  • Quale, tra i grandi fotografi, ami maggiormente?

Non ho mai avuto una predisposizione per gli IDOLI (nella politica come nell’arte) Questa è una domanda che mi pongono in parecchi, in verità. La mia risposta è sempre la stessa: ammiro i fotografi che sono innanzitutto delle belle persona. Quelle persone ricche dentro e allegre fuori . E che poi sappiano raccontare la vita che vedono con i loro occhi, attraverso la macchina fotografica. C’era un tizio che diceva che le fotografie non si fanno con la macchina fotografica: ma con gli occhi e con il cuore e con la testa (HCB)

  • In questo istante, se alzi lo sguardo e scruti un po’ intorno a te, cosa attira maggiormente la tua attenzione?

La luce. Sono affascinato dalla luce, da come cade sugli oggetti e dalle ombre che crea. Non trovi incredibile che la luce crea l’ombra?

  • Parlaci un po’ dei tuoi workshop di fotografia. Quando, dove e come si svolgono?

i miei non sono dei workshop alla vecchia maniera, dove 30-40 fotografi non fanno altro che fotografare modelle. I miei ws sono di massimo 10 colleghi. Si parla di fotografia, di luce, di approccio “slow” ad un mondo della fotografia sempre più frenetico. Dove si svolgono? dove trovo l’ispirazione. Il prossimo sarà nelle splendide colline delle Marche. Sarà dedicato interamente alla fotografia analogica (sì, svilupperemo foto in camera oscura) e si parlerà di storytelling: come si racconta una storia in fotografia. Una cosa è fare fotografie, un’altra è raccontare una storia

  • So che sei appassionato della fotografia “vecchia maniera” con tanto di rullino e macchina analogica. Ce ne puoi parlare? Certo l’arrivo del digitale ha molto facilitato l’utente medio nel fare fotografie, ma cosa si è perso? E quanto si può recuperare in termini di “magia” in uno scatto?

In queste domanda centri sempre in pieno il bersaglio. LA MAGIA. Ecco cosa c’è nel fare fotografie con la pellicola. E’ tutto così incredibile. Ti spinge a pensare prima di fare la fotografia. Incroci i tempi e i diaframmi, poi guardi cosa succede al di là dell’obiettivo ed infine inquadri e scatti. E cosa hai scattato? com’è venuta la fotografia? e qui prendo in prestito la pubblicità del mio amato CAMPARI: “l’attesa del piacere è essa stessa il piacere”. Ecco che torna il discorso di SLOW di attesa di calma di respirare e attendere. La fotografia che hai scattato la puoi vedere solo quando la svilupperai. Fra un giorno, due, una settimana. E tu sei lì che impazzisci di “piacere”: che esploderà quando ti arriva lo sviluppo. Tutto questo è stato azzerato completamente dalla tecnologia, dagli iphone per esempio. Siamo sommersi da fotografie. Che non vedrà mai nessuno. Di cui dimenticheremo l’esistenza. Scatta con il rullino da 24 e saranno 24 fotografie tue!

  • Nei tuoi scatti quanta postproduzione c’è? Ho visto fare, in certe occasioni, fotoritocchi a dir poco abominevoli. Tu come gestisci questa fase? Ti occupi anche della stampa ed impaginazione degli album? Che tipo di album preferisci e proponi ai tuoi clienti?

Se l’obiettivo è la fotografia analogica, la post produzione è vicina allo zero. 10 anni fa ho cominciato a fare fotografia dicendomi: la fotografie nasce nel momento in cui si scatta. Se la foto la si “corregge” al computer, quella è Grafica non fotografia. Ecco perchè adoro il rullino: la fotografia è come è! I miei album: li stampo io assolutamente. So io cosa voglio ottenere, quanto devono essere “caldi” e personali Ah, stampo su carta Fine Art. Niente di più magico. Quando sfogli un mio album lo guardi e lo accarezzi

  • Se potessi entrare in un dipinto, quale sceglieresti?

Ovviamente “La vocazione di San Matteo” del Caravaggio. Vorrei imparare quella luce

  • Per lavoro viaggi molto. Questo ti terrà lontano dalla tua famiglia ma allo stesso tempo ti darà modo di vedere posti meravigliosi. C’è qualche luogo che ti è entrato particolarmente nel cuore?

Il viaggio è sempre stata una mia passione. L’Italia è un Paese meraviglioso e mi sento fortunato a poterlo visitare in lungo e in largo. Andare lontano da casa a lavorare mi tiene sicuramente distante dalla famiglia. Ma tutto quello che faccio , lo faccio per loro. L’abbraccio delle mie 3 donne quando torno a casa, mi riempie più di qualsiasi altra cosa.

  • Se potessi parlare per un ora con una persona a tua scelta, chiunque, vivo o morto che sia, chi vorresti fosse, dove lo porteresti e cosa gli chiederesti?

Se ti parlassi da fotografo vorrei parlare con il summenzionato Caravaggio. Non gli chiederei niente: lo lascerei parlare WOW…!!! Se ti parlassi, invece, da Andrea, vorrei parlare con mio nonno: gli chiederei come è riuscito a sopravvivere al campo di concentramento dei nazisti (a Dachau) e come ha fatto a tornare a piedi dalla Germania in Italia. Mio eroe.

  • Che padre sei? Quanto è difficile per te essere genitore? Qual è il messaggio più importante che cerchi di trasmettere costantemente alle tue figlie? E come vorresti che crescessero?

Sono me stesso. Sono allegro e sono (semi)severo quando occorre. Ma su tutte, predomina l’allegria. Parlare, cantare, giocare assieme appena si può. Ma soprattutto insegnare uno dei più importanti valori: il rispetto. Rispetta sempre tutti e soprattutto rispetta il loro pensiero. Vorrei che crescessero slow dentro ma dinamiche al 100%. Ma soprattutto vorrei che facessero solo quello che le renda felici.

  • Qual è la tua più grande paura?

Quella di non riuscire a rispondere a tutte le domande di questa intervista hahahah.

  • Tu assisti a molti matrimoni ogni anno ma le percentuali parlano chiaro. Secondo l’ISTAT tra il 1991 ed il 2018 abbiamo assistito ad un vero e proprio boom di divorzi. 375.569 divorziati nel 91 contro più di 1,6 milioni nel 2018. Da cosa può dipendere secondo te? Qual è il segreto per un matrimonio sereno e duraturo?

Il segreto? Chiedetelo a mia moglie hahah. Secondo me il segreto di un buon matrimonio è il compromesso. O meglio: il passo indietro. Mi spiego. Ho sempre ritenuto infantile e inutile quando una persona dice “E’ una questione di principio” Quante volte l’avete sentito? Ebbene: se fra due persone che vivino assieme non si fa un passo indietro su alcune questioni, queste diventano problemi, si ergono muri e si finisce dall’ avvocato. Tuo marito non mette mai il tappo al dentifricio? mettilo apposto tu. Se ti arrabbi e ti rovini il fegato per un tappo…bè….direi che la fine è vicina!!!

  • Come inizia e come finisce la tua giornata perfetta?

La mia giornata perfetta inizia con la musica e finisce con la musica. la mia giornata perfetta inizia con lasciare le bambine a scuola e all’ asilo e finisce con il bacio della buona notte. la mia giornata perfetta inizia con un buon lavoro a mia moglie e finisce…vabbè dai..immagina… la mia giornata perfetta è fatta di quotidianità, di realzioni, di luce e di ombre

  • Il tuo peggior difetto?

sono disordinato ma perfettamente organizzato!!!

  • Quale macchina fotografica consiglieresti ad un “utente medio”? E quale è secondo te invece il top di gamma in questo momento?

Domanda interessante. Come macchina fotografica consigliere una canon del 1978 a rullino. 70-80 euro di pura magia. Purtroppo non sono un fotoamatore: non mi interesso di modelli di macchine fotografiche: non mi interessa il mezzo, mi interessa il risultato. Io lavoro con una macchina fotografica (quella digitale) che ha 7-8 anni credo. Ah ma è vecchia. No è funzionale.

  • In questi ultimi anni c’è stato un boom di fotografi. Basti guardare Instagram e si scopre che c’è davvero molta gente che sa fare belle fotografie. Cosa ne pensi? Ti piace che sia diventata una forma di espressione “virale” o ti infastidisce?

Instagram Facebook Pinterest Youtube. Tutta roba interessante e di stimolo. Mi infastidisce solo il fatto che si tende a credere che quella sia la realtà. Per me vale “Essere famosi su Facebook, è come essere ricchi con i soldi del Monopoli”

  • C’è un personaggio del secolo scorso che ammiri in particolar modo?

Sì c’è. Ed è Ernesto Guevara. Ho un’idea di lui che mi porto da quando ero adolescente. E’ un’idea semplice: dare tutto per un’idea. Me lo son portato dietro nelle manifestazioni in giro per l’italia, a Genova contro il G8. Era sempre lì: come da stimolo. Lotta sempre per una tua idea.

  • Cosa vorresti trovare quest’anno sotto l’albero di Natale?

New York ! ho dei progetti in cantiere e spero si realizzino!!!

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notify of